Crea sito

Caldo torrido e temperature oltre i 40° fino a venerdì. Puglia, Campania e Toscana regioni più colpite. Problemi nel settore agroalimentare

Prepariamoci al peggio: l’ondata di calore che ha colpito le città italiane negli ultimi giorni proseguirà anche nei prossimi giorni a causa delll’anticiclone Nord-Africano che convoglierà roventi correnti sahariane fin sull’Europa Orientale, accentuando la canicola nell’area del Mediterraneo, dove le temperature potranno raggiungere picchi intorno ai 40 gradi, segnala il centro Epson meteo. Per ricominciare a respirare occorrerà aspettare il 25 e il 26, dove le temperature dovrebbero concedere un po’ di tregua, ad iniziare dal Nord Italia, dove saranno possibili anche forti temporali. Tutta Italia, dunque, dovrà fare i conti con una nuova settimana di caldo-monstre.

Nello scorso weekend le regioni più colpite sono state Campania, Toscana e Puglia. Oltre un centinaio i roghi che hanno colpito la sola Campania. E se a Orbetello si registra una moria di pesci per l’alta temperatura dell’acqua della laguna, persino le api, spiega Coldiretti, per il caldo volano meno e tendono a rimanere a terra senza riuscire più a prendere il polline.

Nelle case, nei giardini e nei campi coltivati, fa sapere l’organizzazione agricole, scriveLibero, ha fatto impennare le richieste di acqua da parte delle piante che hanno bisogno di mantenere un adeguato livello di idratazione per non rischiare di seccare sotto i raggi del sole. In difficoltà sono le coltivazioni di mais necessarie per l’alimentazione degli animali che necessitano di una adeguata irrigazione. Le mucche nelle stalle stressate dalle alte temperature, producono fino al 15 per cento di latte in meno, rispetto ai circa 30 litri al giorno che vengono munti in periodi normali.

Ricordiamo che già nei giorni scorsi la Asl Bat ha concretizzato un rafforzamento dell’assistenza domiciliare integrata e pronta disponibilità del personale in servizio in caso di necessità: sono queste le misure di urgenza predisposte dalla Asl Bt per far fronte all’ondata di calore dei prossimi giorni. Su tutto il territorio aziendale è stato predisposto un servizio di supporto all’attività di assistenza domiciliare e in caso di necessità sarà fatto ricorso alla pronta disponibilità del personale in servizio. Resta la raccomandazione a far riferimento al proprio medico di famiglia in caso di malore. Il Ministero della Salute ha attivato il numero di pubblica utilità 1500 “Estate sicura, come vincere il caldo”: il servizio è gratuito e attivo tutti i giorni dalle 9 alle 18, sabato e domenica compresi.

Le persone più a rischio, in casi di ondate di calore e temperature particolarmente calde, sono gli anziani, i bambini e i neonati, i malati cronici, le persone non autosufficienti e le persone che svolgono una intensa attività fisica all’aperto.

La temperatura in casa deve essere tenuta tra i 24 e i 26 gradi ed è meglio oscurare le finestre durante il giorno. E’ necessario bere molti liquidi, seguire unacorretta alimentazione ricca di frutta e verdura ed evitare gli alcolici. Le raccomandazioni ministeriali prevedono anche di non uscire durante le ore più calde della giornata e di coprire il capo in caso di esposizione al sole. Indossare indumenti leggeri e comodi, di colore chiaro e preferibilmente di cotone.

Mario Ferraioli

MARIO FERRAIOLI - CEO e SOFTWARE ENGINEER nel '94 fonda lo STUDIO ALBATROS con l'obiettivo di realizzare applicativi per la sicurezza sul lavoro con metodi basati su un sistema esperto.