Crea sito

Fisco, schedati tutti i pagamenti. Via libera ai controlli a tappeto

Slittano il vertice di maggioranza e il Consiglio dei ministri per l’approvazione del Documento di Bilancio, propedeutico alla manovra 2020, attesa in Parlamento entro fine settimana. Il lavoro dei tecnici non è finito e, date le scarse risorse, manca ancora la quadratura politica.

Senza grandi margini

«Vorremmo fare di più – ammette il premier, Giuseppe Conte -, ma data la congiuntura non potremo avere grandi margini», anche considerando i 18 miliardi di minor spesa per interessi nel triennio. I vertici di Pd, M5S, Leu e Iv si incontreranno questa sera a Palazzo Chigi, e la riunione di governo in programma domani slitterà a martedì, ultimo giorno utile per inviare il Documento alla Ue.

PUBBLICITA’

PROGETTO ALBATROS SAFETY  www.progettoalbatros.net – Software 
per la valutazione dei rischi per la sicurezza sui luoghi di lavoro, nei cantieri e per la formazione dei lavoratori semplice e completo
Fattura elettronica

Dalla bozza del decreto fiscale che accompagnerà la manovra, spunta intanto una norma capace di potenziare enormemente le capacità degli ispettori fiscali, superando i vincoli che oggi limitano l’uso dei dati della fattura elettronica. Per i severi paletti imposti un anno fa dal Garante per la Privacy, Agenzia delle Entrate e Fiamme Gialle oggi possono usare i dati della fattura elettronica, (che da gennaio sarà obbligatoria per tutti) solo per i controlli «automatizzati».

Dati “liberi”

Il decreto prevede invece che quei dati sugli acquisti possano essere usati per «tutte le funzioni istituzionali di controllo» della Guardia di Finanza, quindi per contrastare qualsiasi attività illegale, non solo i reati tributari. E non basta, perché l’accesso alla banca dati degli scontrini sarà consentito anche per «scopi di ricerca delle fonti di prova nei procedimenti penali», e per «gli accertamenti finalizzati all’applicazione delle misure di prevenzione».

I controlli possibili

Le informazioni delle fatture elettroniche, spiega la relazione tecnica, «potrebbero disvelare rapporti economici tra più soggetti, nonché entità e tipologia degli stessi» agevolando l’individuazione non solo delle frodi fiscali, ma anche del riciclaggio, se non di reati più gravi. E non è ancora tutto perché sempre quei dati, sui quali il Garante aveva posto vincoli di utilizzo molto stringenti, saranno accessibili all’Agenzia delle Entrate anche per «una più generale finalità di analisi del rischio di evasione fiscale». Potranno dunque servire, insieme ad altri dati a disposizione del fisco, per profilare indici di rischio specifici.

A caccia di fondi

Dai controlli sulla fattura elettronica, al momento, non sono attese maggiori entrate. Il decreto fiscale assicura solo 2 dei 7 miliardi di gettito attesi dalla lotta all’evasione (1 miliardo dalla stretta sulle compensazioni Inps, 500 milioni da quella su crediti e debiti fiscali, il resto dai giochi in monopolio). Il governo confida di recuperare risorse dalla stretta sul contante, ma le misure puntuali non sono ancora state definite. Si continua a lavorare anche sul fronte dei tagli, (1 miliardo dai ministeri, 2 dal taglio di detrazioni e sussidi anti-ecologici), e dei possibili risparmi. Compresi quelli derivanti da un a stretta su Quota 100, che però il ministro del Lavoro smentisce. Tra le possibili entrate si conferma la proroga della sostitutiva su rivalutazione di terreni e partecipazioni, che vale 2 miliardi, mentre viene smentita la tassa sulle Sim telefoniche.

Mario Ferraioli

MARIO FERRAIOLI - CEO e SOFTWARE ENGINEER nel '94 fonda lo STUDIO ALBATROS con l'obiettivo di realizzare applicativi per la sicurezza sul lavoro con metodi basati su un sistema esperto.