Crea sito

«Ruolo ingegneri fondamentale per la ripresa economica del Paese: col decreto Semplificazioni meno freni per i cantieri»

Aumenta il valore dei servizi di ingegneria e architettura

Rilanciare l’economia sfruttando le norme “sblocca appalti” messe in campo dal Governo per snellire e accelerare gli iter burocratici. Grazie alle novità del decreto Semplificazioni, infatti, si punta alla semplificazione di tutti i passaggi amministrativi connessi all’impiego delle risorse destinate al finanziamento delle opere pubbliche. Questo il focus dell’ultimo seminario organizzato da Ordine Ingegneri (presidente Giuseppe Platania) e Fondazione Ingegneri (Mauro Scaccianoce) di Catania, «per approfondire tutte le modifiche che si sono susseguite al “Codice dei contratti”, ormai in vigore da 5 anni, che ha sostituito quello redatto nel 2006», ha spiegato il segretario della Fondazione Alfio Grassi durante la sua relazione. «Un “parto rapido” quello tra la stesura del codice a febbraio 2016 e la sua conversione in legge il 20 aprile dello stesso anno – ha aggiunto – seguito dalle correzioni del 15 luglio, che hanno apportato una rettifica integrale al decreto, prima delle ulteriori modifiche sostanziali del 19 aprile 2017. Queste ultime hanno dato vita a numerosi dibattiti politici, volti a velocizzare le procedure per l’affidamento e l’esecuzione dei lavori. Processo che ha dato alla luce il decreto Sblocca Cantieri, diventato legge il 14 giugno del 2019, con cui sono state definite le soglie per i lavori e le forniture dei servizi per l’affidamento diretto e le procedure negoziate».

www.progettoalbatros.net – Software per la sicurezza cantieri

Poi, però, lo scenario economico causato dalla pandemia ha spinto il Governo ad accelerare su alcuni aspetti: «Da qui – ha proseguito Grassi – ha preso vita il decreto Semplificazioni, con l’obiettivo di dare slancio al sistema, introducendo norme temporanee valide fino al 31 dicembre 2021 e nuovi organismi per prevenire i contenziosi, quali il Collegio Consultivo Tecnico. Una rivoluzione avvenuta in poco tempo e per cui era necessario fare chiarezza». Non solo Semplificazioni e codice dei contratti, «è necessario – ha commentato Grassi – dare spazio anche al decreto Scuola e alla conseguente introduzione di commissari per l’edilizia scolastica; all’ampliamento dei poteri dei sindaci nelle decisioni per velocizzare i lavori pubblici e gli interventi nelle infrastrutture, come accaduto con il Ponte Morandi di Genova». Come evidenziato durante l’intervento, «il decreto Semplificazioni potrebbe rappresentare un’arma in più in questo momento così critico». 

E i dati del Consiglio Nazionale degli Ingegneri lo confermano, registrando un aumento dell’importo medio di aggiudicazione dei servizi di ingegneria e architettura – 165mila euro nel 2019 e 176mila nel 2020 – così come per gli importi medi dei liberi professionisti – da 45.200 passano a 53.500.

Fondamentale l’apporto all’incontro fornito da Filippo Romano, dirigente dell’Ufficio Vigilanza dell’Anac, e dai funzionari dello stesso Ufficio Cinzia Papi, Alex Di Staso e Giancarlo Santomartino, che hanno illustrato la norma e le interpretazioni fornite dall’Autorità Nazionale Anticorruzione. Durante il seminario è stato dato spazio anche ai compiti del Responsabile Unico del Procedimento e alla sua influenza sui tempi procedurali. «Si tratta di un tema attuale, che merita la massima attenzione – ha concluso il vice presidente dell’Ordine Rosario Grasso – gli ingegneri giocano e giocheranno un ruolo centrale nel comparto dei lavori pubblici, che saranno fondamentali per la ripresa economica del Paese».

Mario Ferraioli

MARIO FERRAIOLI - CEO e SOFTWARE ENGINEER nel '94 fonda lo STUDIO ALBATROS con l'obiettivo di realizzare applicativi per la sicurezza sul lavoro con metodi basati su un sistema esperto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.