Crea sito

Superbonus, la conformità urbanistica potrebbe essere rivista

Probabile addio alla doppia conformità e certificazioni sostituite da una Cila. Le ipotesi caldeggiate dagli operatori e al vaglio del Governo per una nuova edizione di DL Semplificazioni

Il Superbonus potrebbe essere modificato ancora. L’obiettivo è massimizzare l’avvio dei lavori, che rischiano di rimanere solo sulla carta a causa delle complicazioni burocratiche.

Definita la meta, resta da tracciare il percorso. Le modifiche potrebbero arrivare con un nuovo Decreto Semplificazioni, che il Governo dovrebbe predisporre contestualmente al nuovo Piano di Ripresa e Resilienza (PNRR) per aumentare la capacità di spesa delle risorse del Recovery Fund.

Le misure in arrivo toccheranno molto probabilmente le regole per attestare la conformità urbanistica, i requisiti degli interventi e l’orizzonte temporale delle agevolazioni.

Superbonus e conformità urbanistica, basterà una Cila?

Una delle ipotesi di semplificazione per non scoraggiare i lavori e ridurre i tempi per l’avvio dei cantieri, è agire sul momento della certificazione di conformità urbanistica richiesta per la presentazione del permesso di costruire o la presentazione della Cila.

La certificazione di conformità potrebbe essere sostituita da una Cila o completamente assorbita dalle asseverazioni sul rispetto dei requisiti tecnici e la congruità delle spese, redatte dai professionisti per ottenere il Superbonus.

Sia la Rete delle professioni tecniche (RPT) sia i costruttori edili (Ance) hanno sottolineato che i tempi per ottenere una certificazione di conformità urbanistica sono lunghi e incompatibili con l’esigenza di avviare presto e senza intoppi il maggior numero di cantieri per la riqualificazione energetica e la sicurezza antisismica degli edifici.

Il nuovo Decreto Semplificazioni, o la norma in cui confluiranno queste misure, potrebbe quindi recepire le richieste avanzate dagli operatori del settore e avallate dal Parlamento. Nei giorni scorsi, infatti, anche la Commissione Ambiente della Camera, durante il ciclo di audizioni sul PNRR, ha ravvisato l’esigenza di agire sul versante della verifica preventiva di conformità urbanistica.

www.progettoalbatros.net – Software per la sicurezza sul lavoro e nei cantieri

Superbonus, addio alla doppia conformità?

Sul pericolo che una semplificazione in termini di conformità urbanistica possa aprire la strada ad una sanatoria degli abusi, è intervenuto il presidente dell’Ance, Gabriele Buia. In un’intervista a “Il Messaggero”, Buia ha affermato che bisogna evitare che “alcune difformità, presenti in tanti edifici, impediscano a tutti i condòmini di migliorare sicurezza e consumi energetici della propria casa” e che “il Superbonus non può assolutamente naufragare a causa delle lungaggini burocratiche”.

Sull’argomento RPT ha formulato una serie di proposte. Secondo la Rete, per consentire gli interventi agevolati col Superbonus dovrebbe essere considerata sufficiente la conformità degli immobili alla disciplina urbanistico-edilizia vigente alla data del 31 agosto 2020. Verrebbe quindi meno il principio della doppia conformità.

RPT ha suggerito inoltre che, per gli immobili realizzati prima dell’entrata in vigore della Legge 765/1967 (norma che ha modificato la legge urbanistica del 1942) non sia richiesta alcuna attestazione di conformità alla disciplina urbanistico-edilizia.

Superbonus, proroga generalizzata al 2023?

Su più fronti è sentita l’esigenza di estendere l’orizzonte temporale del Superbonus. Una delle ipotesi al vaglio è la proroga dell’agevolazione all’intero anno 2023, indipendentemente dalla avvenuta realizzazione di percentuali di lavori nell’ultimo anno di vigenza dell’incentivo. Oltre all’impatto economico, un intervento del genere moltiplicherebbe gli effetti positivi in termini di risparmio energetico annuo generato dagli interventi di riqualificazione energetica del patrimonio edilizio privato.

Attualmente, lo ricordiamo, il superbonus 110% scade il 30 giugno 2022. Solo per i condomìni che al giugno 2022 abbiano concluso almeno il 60% dei lavori, la scadenza è fissata al 31 dicembre 2022. Per gli ex-IACP che al 31 dicembre 2022 abbiano completato almeno il 60% dei lavori, il superbonus 110% spetta anche per le spese sostenute fino al 30 giugno 2023.  (Fonte)

Mario Ferraioli

MARIO FERRAIOLI - CEO e SOFTWARE ENGINEER nel '94 fonda lo STUDIO ALBATROS con l'obiettivo di realizzare applicativi per la sicurezza sul lavoro con metodi basati su un sistema esperto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.