FISCO – Superbonus e bonus facciate: ci vorrà un secolo e mezzo per recuperare la spesa

I bonus fiscali per l’edilizia, come il Superbonus 110% e il bonus facciate, hanno rappresentato uno strumento importante per la ripresa economica post-pandemia. Tuttavia, il loro impatto sul bilancio pubblico è stato significativo, e il recupero della spesa richiederà tempi lunghi.

Secondo le stime del Ministero dell’Economia e delle Finanze, il costo totale del Superbonus 110% sarà di circa 30 miliardi di euro. Il bonus è stato introdotto nel 2020 e prevede una detrazione fiscale del 110% delle spese sostenute per interventi di riqualificazione energetica e sismica degli edifici.

Il costo totale del bonus facciate, introdotto nel 2020 e prorogato fino al 2023, è invece stimato in circa 12 miliardi di euro. Il bonus prevede una detrazione fiscale del 90% delle spese sostenute per interventi di riqualificazione delle facciate degli edifici.

Il recupero della spesa dei bonus fiscali per l’edilizia avverrà attraverso l’aumento delle tasse. Secondo le stime del Ministero dell’Economia e delle Finanze, il recupero del Superbonus 110% richiederà circa 150 anni, mentre il recupero del bonus facciate richiederà circa 80 anni.

Il lungo periodo di recupero della spesa dei bonus fiscali per l’edilizia rappresenta un problema per il bilancio pubblico. Inoltre, il fatto che i bonus siano stati concessi senza un’adeguata valutazione delle risorse disponibili potrebbe avere conseguenze negative per la sostenibilità del sistema fiscale italiano.

I rischi del lungo periodo di recupero della spesa

Il lungo periodo di recupero della spesa dei bonus fiscali per l’edilizia comporta una serie di rischi, tra cui:

  • Aumento del debito pubblico: il debito pubblico italiano è già elevato, e il lungo periodo di recupero della spesa dei bonus fiscali potrebbe contribuire ad aumentarlo ulteriormente.
  • Ritardo della ripresa economica: il recupero della spesa dei bonus fiscali richiederà un periodo di tempo significativo, che potrebbe ritardare la ripresa economica post-pandemia.
  • Distorsioni del mercato immobiliare: il lungo periodo di recupero della spesa dei bonus fiscali potrebbe distorcere il mercato immobiliare, favorendo gli interventi di riqualificazione degli edifici rispetto ad altri investimenti.

Conclusioni

I bonus fiscali per l’edilizia hanno rappresentato uno strumento importante per la ripresa economica post-pandemia. Tuttavia, il loro impatto sul bilancio pubblico è stato significativo, e il recupero della spesa richiederà tempi lunghi. Il lungo periodo di recupero della spesa comporta una serie di rischi, che è importante valutare attentamente.

About Mario Ferraioli 4067 Articles
MARIO FERRAIOLI - Nel '94 fondo lo STUDIO ALBATROS, informatico e consulente aziendale sono autore di un software gestionale per la sicurezza sul lavoro e nei cantieri sviluppato in Intelligenza Artificiale.