Terremoto: Marche, una scossa 4.3 al largo costa pesarese

Un’altra forte scossa di terremoto, di magnitudo 4.3, si è registrata davanti alla costa pesarese, alle 6.20, seguita da una 3.2 alle 6.23.

Non si registrano comunque altri danni o problemi alle persone rispetto a quelli causati dalle forti scosse del 9 novembre (5.5 delle 7.07 e 5,2 delle 7.08).

L’epicentro dell’ultima scossa, avvertita anche ad Ancona, è a 10 km di profondità, a 21 km a Est di Fano e 28 km da Pesaro. Prosegue dunque lo sciame sismico nelle Marche che ha provocato danni per diverse decine di milioni di euro e oltre un centinaio di sfollati tra le province di Ancona e Pesaro Urbino. Ieri, alle 9.56, si era registrata una scossa piuttosto forte, di magnitudo 3.5. Finora oltre 2.300 verifiche dei vigili del fuoco per controllare la staticità e le condizioni degli edifici.
   Mattinata di intenso sciame sismico davanti alle coste marchigiane dopo la forte scossa 4.3 registrata alle 6.20 con epicentro a 10 km di profondità al largo dei lidi del Pesarese, seguita da un’altra 3.2 sempre nella stessa zona. Ad ora si contano in tutto 18 scosse superiori a 2.0 tra le quali due di magnitudo 2.8, alle 6.52 e alle 10.41, e una 3.3 alle 10:59 sempre al largo delle coste marchigiane ma leggermente spostata verso quelle anconetane. Non si registrano comunque altri danni, oltre a quelli subiti dopo le prime forti scosse del 9 novembre, né particolari disagi per i cittadini. La stessa scossa 4.3 (21 km a Est di Fano e 38 km da Ancona) si è avvertita distintamente anche ad Ancona ma non in maniera molto forte.(ANSA)

Pubblicato da Mario Ferraioli

MARIO FERRAIOLI - CEO e SOFTWARE ENGINEER nel '94 fonda lo STUDIO ALBATROS con l'obiettivo di realizzare applicativi per la sicurezza sul lavoro con metodi basati su un sistema esperto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.