Crea sito

CANTIERI: Salvini, sbloccare tutto

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte nel corso dell'incontro con le Regioni a Palazzo Chigi, Roma, 28 febbraio 2019. ANSA/FILIPPO ATTILI/UFFICIO STAMPA PALAZZO CHIGI ++ NO SALES, EDITORIAL USE ONLY ++
Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte nel corso dell’incontro con le Regioni a Palazzo Chigi, Roma, 28 febbraio 2019.

Il decreto sblocca cantieri andrà “spero già questa settimana in Cdm, basta che non sia una roba minima. Se ci deve essere lo sblocca-cantieri devi sbloccare tutto”. Lo ha detto il ministro dell’Interno e vicepremier Matteo Salvini a margine di una riunione del gruppo Lega a Palazzo Pirelli, a Milano. A chi gli ha chiesto se ci sarà un vertice di maggioranza, Salvini ha risposto: “No, le cose si possono risolvere anche al telefono”.

PUBBLICITA’

PROGETTO ALBATROS SAFETY

www.progettoalbatros.net – Software per la valutazione dei rischi per la sicurezza sui luoghi di lavoro, nei cantieri e per la formazione dei lavoratori semplice e completo

Il decreto “sblocca cantieri mercoledì va in Cdm“, ha confermato il premier Giuseppe Conte a Cuneo dove con il ministro Danilo Toninelli si è recato per il completamento dell’autostrada Asti-Cuneo.

Ed è terminato dopo circa tre ore a Palazzo Chigi il tavolo serale di governo sul decreto sblocca cantieri. Alla riunione, cui per la prima ora ha preso parte anche il premier, hanno partecipato il ministro Danilo Toninelli, i sottosegretari Edoardo Rixi e Armando Siri per la Lega, e per il M5S la sottosegretaria all’Economia Laura Castelli e il capogruppo al Senato Stefano Patuanelli. Con loro erano presenti i tecnici dei ministeri che stanno lavorando al provvedimento in vista del Consiglio dei ministri di mercoledì. Un vertice politico di Conte con i vicepremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini dovrebbe tenersi tra martedì sera e mercoledì per l’intesa finale sul testo.

“Il decreto che arriverà in Consiglio dei ministri deve sbloccare davvero i cantieri, tutti i cantieri – ha detto Matteo Salvini sul testo Sblocca cantieri -, e far ripartire l’edilizia pubblica e privata in tutta Italia, oppure non servirà. L’Italia non ha bisogno di aspirine ma di una rivoluzione”.

“Non solo sblocchiamo i cantieri, ma lo facciamo con un approccio ben diverso rispetto al passato. Nessun regalo ai concessionari, nessuna proroga ad libitum. Quel che è giusto pagare, si paga per il resto non si regala niente”, ha detto il presidente del Consiglio. “La soluzione compromissoria, se mi concedete anche un po’ ricattatoria, ‘tu mi realizzi un pezzo di infrastruttura e io ti concedo una proroga ben consistente della concessione, con questo governo non funziona”, ha affermato il premier nel corso dell’incontro con i sindaci astigiani e cuneesi, in prefettura a Cuneo. “Sembrava indolore ma sono stati lasciate sul tavolo dei concessionari, in generale, tanti soldi dei cittadini”, aggiunge Conte.

L’autostrada Asti-Cuneo è tuttora incompiuta a 29 anni dall’accordo firmato da ANAS e dalla concessionaria Satap per l’avvio dei lavori. Per concludere l’autostrada, di cui il primo tratto è stato inaugurato nel 2005, mancano ancora 9 chilometri. “Siamo qui per risolvere i problemi, tocca a noi assumerci la responsabilità, ci impegniamo a risolverli”, ha detto Conte durante il sopralluogo al cantiere della Asti-Cuneo. Dal 2012, anno in cui si sono fermati i lavori, “sono passati troppi anni”, aggiunge il premier. Il progetto della Asti-Cuneo “non cambia ma rispetto a quello redatto con Delrio si risparmiano 213 milioni di euro perché non ci saranno proroghe alla concessionaria. All’inizio dell’estate potrà partire il primo lotto”, ha detto il ministro dei Trasporti, Danilo Toninelli.

“Il decreto sblocca cantieri è fondamentale per far ripartire le infrastrutture: deve essere fatto prima possibile. Si tratta di oltre 300 cantieri e 200 mila posti di lavoro. Presenteremo un testo al prossimo Consiglio dei ministri di mercoledì”, ha detto il vicepremier e Ministro dello Sviluppo, Luigi Di Maio.

E spunta anche una sorta di sanatoria sulle mini-irregolarità dei vecchi edifici, costruiti prima del 1977 nella bozza del decreto sblocca-cantieri. La norma, oggetto però di riflessione all’interno della maggioranza, punterebbe a superare le difficoltà a verificare lo stato legittimo degli edifici rispetto alla documentazione tecnica, senza la necessità di dover ricorrere alle pratiche di sanatoria di quelli che risultano di fatto piccoli abusi, come la difforme disposizione di porte o finestre. La Lega: “Non c’è nessuna ipotesi di condono edilizio né nello Sblocca cantieri né in altri provvedimenti. E’ una notizia infondata e senza alcun fondamento. La Lega, come noto, è contraria a ogni tipo di condono”.

Mario Ferraioli

MARIO FERRAIOLI - CEO e SOFTWARE ENGINEER nel '94 fonda lo STUDIO ALBATROS con l'obiettivo di realizzare applicativi per la sicurezza sul lavoro con metodi basati su un sistema esperto.